NEWS > 09 febbraio 2024

Ideas to Innovation: La sostenibilità nella Supply Chain A cura di Deanna Utroske

 La sostenibilità è un impegno collettivo.” Questa è un’affermazione che la dottoressa Elisa Altieri ha condiviso con me durante la nostra recente intervista su come le aziende del settore cosmetico, impegnate nella fornitura e nella produzione, possano realisticamente contribuire a mantenere l'equilibrio ecologico del nostro pianeta di pari passo con le necessità di business. 

Altieri lavora come Market Manager del settore Personal Care presso ROELMI HPC (e parlerò di più su questa azienda di ingredienti più avanti in questo articolo). Ma questa idea di sforzo collettivo è fondamentale per il tema della sostenibilità nell'industria cosmetica. È una verità universale, qualcosa che fornitori, produttori e marchi riconoscono tutti.  

Le partnership nella catena di approvvigionamento sono cruciali per raggiungere obiettivi di sostenibilità completi. Le relazioni collaborative consentono lo scambio delle migliori pratiche, conoscenze e risorse, creando una rete che promuove pratiche sostenibili in tutta l'industria,” sottolinea Altieri. “Lavorando insieme con partner che condividono i nostri valori,” dice, “possiamo affrontare collettivamente le sfide e implementare iniziative di sostenibilità più efficaci.”  

Il potenziale dello sforzo collettivo è ciò che ha portato circa 15 fornitori del settore e grandi brand multinazionali a creare la Traceability Alliance for Sustainable Cosmetics (TRASCE) a gennaio di quest'anno. 

image 2 Ideas to Innovation: La sostenibilità nella Supply Chain  A cura di Deanna Utroske

LAVORO DI SQUADRA, TECNOLOGIA BASATA SU CLOUD E ANALISI DEL RISCHIO AMBIENTALE

La supply chain dell'industria cosmetica è composta da molteplici livelli. Fornitori di ingredienti e aziende di imballaggi dipendono da una serie di materie prime, input, intermediari, risorse e componenti, nessuno dei quali necessariamente proveniente da una singola fonte o da una filiera completamente trasparente. E seguire tutti gli step è già una sfida, figuriamoci monitorare e confermare che siano in atto pratiche etiche e ambientali.  

Come ha dichiarato Julien Garry, Direttore Internazionale degli Acquisti e Sviluppo Innovazione Imballaggi presso Chanel Parfums Beauté, ai giornalisti il mese scorso, "Il lavoro essenziale e impegnativo di mappatura delle nostre catene di approvvigionamento svolto negli ultimi anni ci ha permesso di comprendere i principali limiti dell’industria."  

Garry riconosce che "a volte è abbastanza difficile per un singolo cliente convincere i fornitori a impegnarsi in questo processo quando non soddisfano gli stessi requisiti normativi."  

Ed è "basandosi su questa osservazione", che Chanel Parfums Beauté "ha proposto che gli attori del settore uniscano le forze per tracciare le nostre catene di approvvigionamento il più rapidamente possibile."  

AGIRE COLLETTIVAMENTE È SEMPRE IL MODO PIÙ EFFICACE PER GUADAGNARE IN EFFICIENZA

La coalizione TRASCE, appena costituita, è sponsorizzata da La FEBEA (un' associazione professionale con sede a Parigi, Francia, dei produttori di prodotti cosmetici) e comprende CHANEL, Dior, The Estée Lauder Companies, L’Occitane en Provence, L’Oréal Groupe, Nuxe, Shiseido e Sisley; sono compresi anche i fornitori di imballaggi Albéa, Cosfibel, Pochet Group e Neyret (nastri, etichette tessute e accessori), e queste aziende di ingredienti: Clarins, Merck e Sensient. 

"Agire collettivamente è sempre il modo migliore per guadagnare in efficienza e potere d'azione sul campo", afferma Séverine Thery-Cavé, Direttore degli Acquisti Diretti presso L’Oréal Groupe, in un articolo sul sito web dell’azienda. 

"Questo è il motivo per cui la coalizione ci permetterà di migliorare la nostra conoscenza approfondita delle nostre filiere con tutti i nostri fornitori, e quindi coinvolgere il nostro ecosistema verso un mondo più responsabile", spiega. 

La coalizione TRASCE sta collaborando con la società di sviluppo software con sede negli Stati Uniti, Transparency-One. Il vantaggio di una piattaforma digitale unica è che, "nel lungo periodo", le aziende coinvolte saranno in grado "di sviluppare un approccio collettivo all'analisi del rischio sociale e ambientale nelle catene di approvvigionamento, interpretare i dati raccolti e definire piani di progresso comuni", secondo un annuncio sul sito Sensient.

E (dato che la bellezza è sia un'industria collaborativa che competitiva) è importante notare che Transparency-One proteggerà la riservatezza degli ingredienti e dei componenti di ciascun membro della coalizione, le origini, e i nomi dei loro fornitori, insieme alle attività dei fornitori e alle fasi di lavorazione.

img preview

NASTRITEX: PROCESSI INTERMEDI, COSMETICI COLORE E UN FOCUS ECOLOGICO INTENZIONALE

Mentre riflettiamo sui molti livelli della supply chain del beauty - tutti i prodotti e i processi necessari per creare un singolo prodotto per il consumatore - diamo uno sguardo a NastriTex

NastriTex produce "tessuti tecnologici e materiali innovativi sviluppati per macchinari cosmetici". Il nastro crea una superficie liscia o in rilievo su prodotti cosmetici colore e per il viso. È utilizzato nella fase tra macchinario e il trucco: "Un intermediario tra la pressa meccanica e la polvere cosmetica è essenziale", spiega Federico Mocchetti, Direttore Generale di NastriTex. 

L'azienda produce circa 50 materiali diversi per questo scopo. Quindi per i produttori la domanda diventa: "Che tipo di materiale dovrei usare?" Per rispondere a questo, Mocchetti pone le sue stesse domande: "Cosa ti aspetti dal tuo prodotto? Hai rilievi o incisioni sulla superficie? Utilizzi componenti perlati o una polvere opaca? Inoltre, usi polvere micronizzata? Hai problemi con i test di caduta?"  

"In base a ciascuna situazione specifica", mi dice, "suggeriamo l'articolo appropriato realizzato con un materiale specifico [che possono essere polimeri diversi (poliammide, poliestere, cellulosa, polietilene, ecc.)].... Siamo in grado di fare ciò grazie al supporto del nostro NastriTex Lab, che si occupa della ricerca e dello sviluppo di nuovi materiali, e di TexFactory, la divisione interna che produce i nostri articoli", spiega Mocchetti, sottolineando che "l'esperienza, la qualità e il servizio ci rendono unici in questo settore".  

Rosy Sarasini, CEO, descritta da Mocchetti come una donna curiosa e appassionata del mondo dei cosmetici, ha fondato NastriTex nel 1980. "Rosy ha deciso di essere al servizio di quei produttori contoterzi che in seguito avrebbero trasformato l'Italia in un centro di produzione leader mondiale nel settore cosmetico", spiega Mocchetti.

Avvicinandosi all'innovazione sia tecnologicamente che creativamente, Sarasini e il suo team hanno sviluppato oltre 100 prototipi: "tessuti tecnici personalizzati, film di polietilene, tessuti non tessuti, combinazioni di fibre tessili e materiale cellulosico e tessuti realizzati al 100% da materiali riciclati". 

img 5

FUTURA: RISULTATI DELLE ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO DEL LABORATORIO NASTRITEX

Quando NastriTex ha festeggiato il suo 40º anniversario nel 2020, hanno anche lanciato Futura, "il primo e unico nastro al mondo interamente realizzato con materiale riciclato derivato da bottiglie di plastica PET post-consumo. Utilizzando Futura durante il ciclo produttivo di 500.000 pezzi di compatti in polvere, abbiamo potuto risparmiare fino a 240 kg di CO2!" 

"Futura", mi dice Mocchetti, "è il risultato delle attività di ricerca e sviluppo del NastriTex Lab. Non solo abbiamo creato un tessuto utilizzando fibre riciclate, ma anche un prodotto ad alta tecnologia le cui prestazioni sono equivalenti, se non superiori, ad articoli simili tradizionali. Con Futura, NastriTex contribuisce alla produzione di cosmetici responsabili." Ecco perché Mocchetti è incoraggiato nel vedere Futura diventare un nastro di riferimento per i brand e i produttori contoterzi più esigenti. 

Inoltre, continuando ad ampliare la gamma di tessuti prodotti internamente, NastriTex sta accorciando la filiera, minimizzando la distanza e le emissioni di trasporto. E Mocchetti fa notare che le filiere corte, grazie alla produzione internalizzata oltre che alla vicinanza dei fornitori locali e regionali, sono tra i vantaggi in termini di sostenibilità della bellezza Made in Italy.

img 6

TECNOLOGIA PER IL FUTURO: LA NUOVA LINEA DI PRODOTTI PENSATA PER LA SOSTENIBILITÀ E L'ECONOMIA CIRCOLARE

In un altro importante progetto, il team di NastriTex sta studiando il recupero dei materiali usati. "NastriTex", dice Mocchetti, "si impegna a fare nuovi progressi nell'interesse della sostenibilità con una specifica famiglia di prodotti: il nome è 'Tecnologia per il futuro'. È la nuova linea di prodotti il cui valore principale è la sostenibilità e i principi dell'economia circolare: ridurre, riutilizzare e riciclare. Questa nuova generazione di prodotti, che supera persino i loro equivalenti tradizionali, è utile per progetti orientati all'ecologia".

Queste iniziative di sostenibilità sono ancora più importanti perché il nastro è necessariamente usa e getta. Mocchetti fornisce due motivi. Primo, "durante l'attività di pressatura, il materiale subisce una deformazione violenta e una contaminazione pronunciata della polvere pressata". Quindi il nastro viene danneggiato e non potrebbe essere riutilizzato per lo stesso scopo; inoltre è (per mancanza di un termine migliore) sporco. Secondo, "tutti i nostri articoli sono sicuri per la pelle. Non sono inclusi o rilasciati prodotti dannosi. Questa garanzia è certificata da un'agenzia internazionale e la sua validità è concessa solo per il primo utilizzo". Il trucco nel compatto tocca la pelle dei consumatori. Ciò che tocca il trucco deve essere igienico. 

Quest'anno al Cosmoprof, NastriTex presenterà le capacità della divisione TexFactory, ciò che Mocchetti descrive come "la nostra fabbrica tessile tecnologica, nata da una strategia di integrazione verticale iniziata alcuni anni fa, che ha assunto e ampliato l'attività di un partner esterno storico. Questa divisione all'interno di NastriTex, insieme a NastriTex Lab (il nostro polo dedicato alla R&S di nuove soluzioni e materiali su misura), costituisce il percorso per offrire ai clienti la possibilità di testare nuovi materiali e soluzioni".

img 7

IMBALLAGGI PER LA BELLEZZA, RICICLABILITÀ INFINITA E INVESTIMENTI STRATEGICI

Lo specialista degli imballaggi in vetro Zignago Vetro sta letteralmente investendo nel futuro sostenibile degli imballaggi cosmetici. 

Per ridurre al minimo la domanda di materie prime vergini e contemporaneamente aumentare la domanda di cullet, l'azienda (fondata nel 1979 e con sede a Fossalta di Portogruaro, Italia) ha investito "in impianti di trattamento del cullet, nello specifico: Vetreco S.r.l. (nel Centro-Sud Italia), Vetro Revet S.r.l. (nel Centro Italia) e Julia Vitrum S.p.A. (nel Nord-Est Italia).

Tutti questi investimenti rendono Zignago Vetro il principale player del settore in Italia", afferma Stefano Bortoli, Direttore Commerciale di Cosmetici e Profumeria presso Zignago Vetro. 

Negli "impianti di trattamento del cullet", spiega, "il vetro viene lavorato, pulito e separato per colore, pronto per essere riutilizzato dalle fabbriche di vetro come materia prima secondaria". Lo definisce "un perfetto esempio di percorso circolare, grazie a un materiale che è riciclabile al 100% per un numero infinito di volte". 

Zignago Vetro collabora con marchi internazionali e produttori multinazionali in tutti i segmenti di mercato - lusso, masstige, lifestyle e mass market. Il produttore collabora anche con aziende emergenti e marchi di nicchia, che offrono a Zignago Vetro "importanti opportunità di mercato", secondo Bortoli, che osserva anche che "abbiamo a che fare con clienti di tutto il mondo, principalmente situati in Europa, America e Asia". 

A Cosmopack di quest'anno, Zignago Vetro presenterà nuovi prodotti "in tutti i segmenti dei cosmetici e della profumeria: dallo smalto per unghie, ai profumi in travel size, soluzioni per la cura della pelle, opzioni di profumatori d'aria e altre novità".

img 8

PERCHÈ SCEGLIERE IL VETRO?

 Ho chiesto a Bortoli perché i produttori di bellezza scelgono il vetro, e ha elencato diverse ragioni: 

“1. Estetica e Prestigio: Il vetro è associato a un aspetto di prodotto lussuoso e di alta qualità. La trasparenza e la percezione sensoriale del vetro conferiscono un tocco di eleganza e prestigio ai prodotti di bellezza, aiutando a migliorarli e posizionarli meglio.”  

“2. Preservazione e Sicurezza del Prodotto: Il vetro non reagisce chimicamente con il suo contenuto. Ciò aiuta a preservare l'integrità del prodotto, proteggendolo dalla luce (nel caso del vetro scuro), dall'ossigeno e da altre influenze esterne che potrebbero degradare o alterare la composizione del prodotto.”   

“3. RiciclabilitàIl Vetro è infinitamente riciclabile. Il crescente focus sulla sostenibilità ha portato molti brand di bellezza a optare per soluzioni riciclabili al fine di ridurre l'impatto ambientale del loro packaging. Su questo argomento, il vetro è il materiale di packaging preferito.”  

“4. Versatilità del Design: Il vetro offre una vasta gamma di opzioni di design, tra cui colori, forme e finiture. Ciò consente ai produttori di personalizzare l'aspetto del loro packaging per soddisfare le esigenze del marchio e del prodotto.” 

Più volte durante il nostro colloquio Bertoli ha accennato al vetro come 'infinitamente riciclabile'. E poiché la fattibilità del riciclaggio degli imballaggi per la bellezza è così spesso messa in discussione, volevo che spiegasse meglio. Ecco cosa mi ha detto: "Il vetro è - per definizione - l'unico materiale che è riciclabile al 100% per un numero infinito di volte, senza deteriorarsi e senza deteriorare la qualità del suo contenuto. Il vetro può essere riciclato senza perdere le sue proprietà chimiche e fisiche; a differenza di alcuni altri materiali, il vetro non subisce degradazioni durante il processo di riciclaggio. Per questo motivo il vetro è definito 'infinitamente riciclabile'. L'infinita riciclabilità del materiale ha un significativo beneficio ambientale, poiché riduce la necessità di estrarre materie prime vergini per la produzione di vetro".

img 9

INGREDIENTI COSMETICI, SOSTENIBILITÀ 100% E PROGRESSI VERSO UN'ECONOMIA CIRCOLARE

 ROELMI HPC , l'azienda menzionata all'inizio di questo articolo, produce sia ingredienti funzionali che attivi. E hanno quello che definirei un approccio multiforme allo sviluppo sostenibile degli ingredienti, utilizzando biotecnologia, chimica green, riciclo, ricerca locale, produzione efficiente, tecnologia di frazionamento e altro ancora. 

La dottoressa Elisa Altieri mi dice che questo riflette l'impegno dell'azienda per una sostenibilità al 100%. "Ogni metodo," dice lei, "apporta benefici unici e integrando vari approcci possiamo affrontare diverse sfide ambientali e sociali. Specializzarsi in uno o due metodi potrebbe limitare la nostra capacità di adattarci agli standard di sostenibilità in evoluzione e potrebbe trascurare potenziali opportunità di innovazione e miglioramento." 

Altieri dice che quando si tratta di sostenibilità, "le principali metriche di interesse per i brand e i produttori includono l’impatto ambientale, l'uso dell'acqua e la generazione di rifiuti. Cercano informazioni sull'origine e sulla sostenibilità delle materie prime, dei processi di produzione e dell'impatto complessivo del prodotto. Affrontare queste preoccupazioni fornendo dati trasparenti e completi sulla sostenibilità è essenziale per soddisfare le aspettative dei clienti." 

E mi dice che "c'è una crescente domanda di ingredienti riciclati poiché i consumatori e l'industria danno sempre più importanza ai modelli di economia circolare. Oltre ai benefici ambientali della riduzione dei rifiuti," Altieri sottolinea che "gli ingredienti riciclati spesso portano vantaggi inaspettati, come texture e proprietà uniche. L'uso creativo dei materiali riciclati può portare a prodotti innovativi apprezzati dai consumatori attenti all'ambiente." È una tendenza che crede manterrà una fore influenza a lungo. 

Ho chiesto ad Altieri di condividere alcuni esempi specifici di ingredienti ROELMI HPC  in modo da poter comprendere meglio i collegamenti tra ricerca sostenibile, benefici degli ingredienti e attributi sensoriali: "Le iniziative di ricerca e produzione sostenibili influenzano positivamente l'efficacia degli ingredienti garantendo la qualità delle nostre materie prime. Un esempio perfetto è legato a due dei nostri cosmetici derivati dal riciclo dell'olio d'oliva," dice, spiegando che, "Partiamo da materiali di scarto che non sono più utilizzabili nell'industria alimentare e li trasformiamo abilmente e li modelliamo secondo le nostre esigenze. L'olio d'oliva è composto da componenti preziosi che abbiamo mantenuto con successo, purificandoli e modellandone la proporzione per scopi diversi." 

Gli ingredienti che sta descrivendo sono EMotion® Skin e EMotion® Glow, "che," nota lei, "mantengono lo stesso nome INCI. Tuttavia, attraverso una modulazione intelligente dei due principali componenti dell'olio d'oliva, otteniamo risultati eccezionali e distinti tra le due molecole." 

E secondo i materiali condivisi dall'azienda, "EMotion® Skin è un emolliente biomimetico, con un'elevata affinità cutanea, grazie alla sua composizione formata dalla sinergia tra trigliceridi e digliceridi.... Con le sue proprietà uniche, è in grado di trasportare ingredienti cosmetici attraverso lo strato epidermico migliorandone l'efficacia e l'assorbimento." 

Mentre "EMotion® Glow è un emolliente ricco e nutriente, che fornisce texture ricche. Viene ottenuto da frazioni di olio d'oliva, mantenendo le principali caratteristiche della materia prima senza mostrare fenomeni di ossidazione e rancidità. È un eccellente agente dispersivo, perfetto per le formulazioni di trucco, in grado di conferire un finish lucido con un piacevole effetto di ammortizzazione." 

ROELMI HPC farà il suo debutto al Cosmopack di quest'anno; e l'azienda presenterà "una nuova collezione capsule progettata per onorare il nostro portafoglio di ingredienti cosmetici guidati dall'innovazione sostenibile al 100%. Queste formulazioni," dice Altieri, "sono caratterizzate da texture sofisticate, eleganti e pratiche" - tutte "con un approccio narrativo entusiasmante."

img 10

ALLA RICERCA DI UN FUTURO SOSTENIBILE PER LA BELLEZZA

Non ci sono scorciatoie verso la sostenibilità ambientale. Anche se è abbastanza chiaro, analizzando solo alcuni fornitori dell'industria cosmetica, che ci sono molte soluzioni per raggiungere l’obiettivo.  

Ciò che questi fornitori rendono anche chiaro è che attraverso la collaborazione, l'ingegnosità, la trasparenza e gli investimenti, è possibile sostenere i produttori senza compromettere la qualità o la salute del pianeta. Questo non vuol dire che il nostro lavoro qui sia finito; un'economia veramente circolare sembra ancora lontana. Ma ci sono cambiamenti reali in corso; e la filiera della bellezza sempre più sostenibile sta ridisegnando la nostra industria.  

Ottieni una visione a 360 gradi della supply chain dell'industria cosmetica a Cosmopack dal 21 al 23 marzoCosmopack, che si svolge contemporaneamente a Cosmoprof Worldwide Bologna, presenterà ingredienti e materie prime, produttori contoterzi, fornitori di packaging e applicatori, specialisti di macchinari, fornitori di soluzioni di automazione, aziende full service e altro ancora. Ci vediamo in fiera! 

 Autore: Deanna Utroske
In collaborazione con: 

Beauty Insight Logo

 

Cerchi ulteriori aggiornamenti su come l'industria cosmetica stia contribuendo a mantenere l'equilibrio ecologico del nostro pianeta con le necessità di business? Non perdere CosmoFactory Podcast – From Ideas to Innovation, il nuovissimo podcast di Cosmoprof Worldwide Bologna, e scopri le novità e le scoperte più all’avanguardia che stanno guidando l'evoluzione del settore beauty verso la sostenibilità!

 ASCOLTA ORA IL PODCAST


Share article:

Rimani aggiornato sulle ultime novità!

Un evento di
In collaborazione con
Con il supporto di
Certificato da

COSMOPROF WORLDWIDE BOLOGNA - Made by BolognaFiere Cosmoprof S.p.a. - Registered office: Via Maserati 16, 40128 Bologna (Italy) - R.E.A. 1766978
© 2024 All rights reserved - BolognaFiere Cosmoprof - Privacy Policy - Cookie Policy - TERMINI D'UTILIZZO
Segnalazioni - Modello ex D.LGS 231/2001 e Codice Etico

Designed with by ArchiMedia host: 172.31.40.82 - you: 172.70.43.60

Seguici
Caricamento in corso...