NEWS > 04 novembre 2021

Il contract manufacturing al centro dell’evoluzione dell’industria cosmetica

Il contoterzismo sarà al centro della ripartenza dell’industria cosmetica. Forti del bagaglio di innovazione e ricerca che da anni rende il comparto una delle voci di eccellenza del settore beauty, i più importanti produttori conto terzi internazionali saranno l’anello di congiunzione tra filiera produttiva e prodotto finito, tra tendenza e declinazione del prodotto. 

Le nuove regolamentazioni legate alla sicurezza dei processi produttivi, logistici e di distribuzione hanno spinto in questi mesi molti brand a cercare alternative funzionali alla produzione in-house, per appoggiarsi a società in grado di garantire le necessarie procedure igieniche e un processo completo di gestione delle varie fasi della filiera: dal recupero e dalla lavorazione delle materie prime fino alla gestione del macchinario, dalla texture all’imballaggio.

Il contract manufacturing al centro dell’evoluzione dell’industria cosmetica


Tra i player protagonisti sul mercato a livello globale, ITALCOSMETICIda oltre 40 anni produttore specializzato in make-up. “ITALCOSMETICI, da sempre focalizzata sulla cosmetica clean e sostenibile, ha rafforzato le relazioni con indie brands con una forte identità da raccontare, alla ricerca di terzisti che siano in grado di offrire un full service con MOQ ragionevoli, richiesta che ITALCOSMETICI ha dimostrato da tempo di saper soddisfare. Nel 2020 abbiamo iniziato molte collaborazioni con indie brands alla ricerca di formule innovative, in grado di differenziarli dalla concorrenza,” dichiara Alberto Argnani, CEO di ITALCOSMETICI.

Per rispondere alle necessità di nuovi brand interessati a cogliere le opportunità di un mercato beauty in forte trasformazione, l’azienda ha continuato ad investire in ricerca e sviluppo: “ITALCOSMETICI ha sviluppato formule sempre più clean e ricche di ingredienti attivi a livello funzionale,” conferma Argnani. “La ripartenza del settore beauty non può prescindere da un processo di adattamento ad una nuova realtà, in cui il consumatore finale trascorre molto più tempo in casa, spesso di fronte a uno schermo e ad una videocamera. Un consumatore sempre più esigente e attento agli ingredienti e alle formule dei prodotti che utilizza per la cura quotidiana, e che quindi presta maggiore interesse a soluzioni per proteggere la pelle dagli effetti dell’inquinamento elettromagnetico e della scarsa esposizione all’aria aperta. Per questo motivo abbiamo sviluppato prodotti che agiscono come uno scudo contro la luce blu e l'inquinamento, e che al contempo predispongono al meglio l’incarnato alla visualizzazione in video.”

Il make-up è sicuramente il comparto che più ha sofferto lo scoppio dell’emergenza sanitaria, ma è anche il terreno più ricettivo ad oggi per nuovi stimoli: sono molti i progetti e le tecnologie che possono rispondere alle necessità del consumatore. Anche ITALCOSMETICI sta lavorando a nuove proposte, come conferma Argnani. “Il futuro del make-up? Ibrido e multi-tasking, senza dubbio. Prodotti divertenti da usare non solo come trucco, ma anche come trattamento.”

 

Vuoi scoprire tutta l'offerta del salone Cosmopack?

 

CLICCA QUI


Share article:

Last news

Iscriviti alla newsletter!

A cura di
Con il supporto di
In collaborazione con
Certificato da

COSMOPROF WORLDWIDE BOLOGNA - Made by BolognaFiere Cosmoprof S.p.a. - Registered office: Via Maserati 16, 40128 Bologna (Italy) - R.E.A. 1766978
© 2018 All right reserved - BolognaFiere Cosmoprof - Privacy Policy - Cookie Policy
Segnalazioni - Modello ex D.LGS 231/2001 e Codice Etico

Designed with by ArchiMedia 172.70.134.128

Seguici